Paolo Calefati

Board Member

Paolo Calefati, ricopre il ruolo di Innovation Vice President per il Gruppo Prima Industrie e di Vice President per lo sviluppo del business della divisione Prima Additive. Nel suo ruolo si occupa di strategia di innovazione, partnership strategiche nel campo dello sviluppo business per l’additive manufacturing e per le tecnologie innovative.
In seguito ad un'esperienza da ricercatore nel Consiglio Nazionale delle Ricerche e nel campo dell'intelligenza artificiale all'Università di Alberta (Canada), ha iniziato la sua carriera lavorativa in Prima Industrie, dove nel frattempo ha conseguito un master in business administration presso la Scuola di Amministrazione Aziendale dell’Università di Torino.
Nello svolgimento del suo ruolo, collabora con Università e Centri di Ricerca Europei nell'ambito di progetti di innovazione volti allo sviluppo di nuove tecnologie dei processi industriali e produttivi nel settore della fotonica e processi laser, con particolare attenzione alle tematiche dell’Industry 4.0 per la smart e green manufacturing e l’advanced manufacturing systems, come ad esempio l'additive.

È stato coordinatore di alcuni progetti europei, Whiter (white room based on reconfigurable robotic island for optoelectronics components), Borealis (The 3A energy class flexible machine for new additive and subtractive manufacturing on next generation of 3D metal parts), ICP4LIFE (Integrated Collaborative Platform for managing the product service Engineering Lifecycle), 4D hybrid additive technologies e del progetto STAMP (Sviluppo Tecnologico Additive Manufacturing Piemonte) nell’ambito del programma regionale piemontese Fabbrica intelligente.

Partecipa ai programmi di ricerca europei e nazionali, facendo parte del board degli stakeholders della piattaforma europea Photonics21, del board della piattaforma europea di additive manufacturing (AMEF) ed fa parte dell’Organismo di gestione e controllo del “Cluster Fabbrica Intelligente”. E’ membro del board della public private partnership europea “Factory of the Future”. E’ membro ad interim del supervisory board dell’EIT (European Institute of Technology) Manufacturing.